Di seguito l’utilizzo della coppia magnetica per i disturbi del nervo vago, collegati a cervicale e intestino:

  • Nervo vago destro polo negativo + Rene sinistro polo positivo.
  • Diaframma destro polo negativo + Diaframma sinistro polo positivo
  • Sternocleidomastoideo destro polo negativo + Sternocleidomastoideo sinistro polo positivo

Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento del Dolore Cervicale; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

“Ho dolore alla cervicale ma non ho nessun disturbo allo stomaco!”

Spesso le persone si lamentano di avere il classico dolore al collo, con giramenti di testa, dolore al capo, stanchezza, che definiscono come dolore alla cervicale.

Qualcuno afferma  – vedi studi fatti recentemente sul collegamento tra dolore cervicale e mal di testa – che uno stato di infiammazione costante delle strutture cervicali possa esercitare un effetto negativo sul nervo vago, portando conseguenze perfino all’intestino. 

Cos’è il nervo vago

Sono due, per la precisione, posizionati uno a destra e uno a sinistra del nostro collo. 

Sono due fili che escono dalla scatola cranica attraversando il foro giugulare, passando in verticale attraverso il collo fino a raggiungere il torace, dove poi vagano per quasi tutti gli organi del corpo, soprattutto nell’apparato digerente.

Immagine di KenHub.com

A cosa serve il nervo vago

  • Favorisce la digestione
  • Riduce il battito cardiaco
  • Favorisce il rilassamento dei muscoli 

Non esiste un’infiammazione del nervo vago, è un trasmettitore che invia segnali, in caso di infiammazione dell’apparato digestivo, al cuore e ai muscoli in generale.

Fornisce fibre nervose alla zona della gola, ai polmoni, al cuore e agli organi digestivi. È il nervo che dà sensibilità alle membrane mucose respiratorie (faringe, laringe, esofago, trachea, polmoni e bronchi) e trasmette ritmo, forza e frequenza nella respirazione. Riceve anche segnali dagli organi interni e li rimanda al cervello.

Inoltre, è il nervo che mette in comunicazione il diaframma e il cervello, la psiche con il corpo fisico e trasmette, in questo modo, nervosismo o quiete, rabbia o calma. 

In breve, i problemi di origine intestinale possono causare vari disturbi alle altre parti del corpo, compreso il cervello, favorendo la comparsa di varie patologie come la depressione. Ma, al contrario, si può anche dire che i problemi psicologici potrebbero causare vari disturbi gastrointestinali come la sindrome dell’intestino irritabile, l’ulcera peptica, la malattia infiammatoria intestinale, la malattia di Crohn, ecc. 

Il nostro corpo ha la capacità di regolarsi, ripararsi, rigenerarsi e prosperare, finché impariamo a lavorare con il nostro corpo e non contro di esso.

Se la pratica delle coppie magnetiche e l’utilizzo del biomagnetismo per i disturbi del nervo vago, collegati a cervicale e intestino, ti hanno incuriosito, contattami per un consulto.